* Porta Mazzini Accoglie l’arte contemporanea

Una quattro giorni per presentare i soggetti culturali e le Opere di Porta Mazzini

Un luogo di incontro e di confronto, che racchiude in sé un prisma di anime unite dall’ obiettivo comune di raccontare l’arte contemporanea in tutte le sue sfumature, dagli emergenti agli storicizzati passando per i grandi nomi della Scuola Romana. Queste anime miscelate, insieme, senza fondere gli ingredienti, sono presenti a PORTA MAZZINI , dove giovedì 11 dicembre 2014 alle ore 18,30 si aprono le porte al pubblico e alla stampa con l’esposizione PORTA MAZZINI ACCOGLIE L’ARTE CONTEMPORANEA, che sarà visitabile fino a domenica 14 dicembre tutti i giorni dalle 11,00 alle 19,00.

Plus Arte Puls insieme ai nove soggetti culturali presenti hanno dato vita ad una vera e propria rete culturale artistica romana unica nel panorama capitolino, che ha già in calendario per il 2015 numerosi eventi culturali e artistici. L’esclusività del progetto sta proprio nel desiderio di esaltare l’Arte attraverso il concetto di rete culturale, offrendo le proprie professionalità e le proprie opere al servizio del pubblico. Ecco così che la rete si amplia e il pubblico diventa protagonista e fruitore al tempo stesso delle iniziative ideate e curate da Plus Arte Puls.

CHI SONO I PROTAGONISTI DI PORTA MAZZINI e COSA PRESENTERANNO L’11 DICEMBRE ?

L’ Archivio CALABRIA, curato da Rita Pedonesi, presenterà alcune grandi tele dell’Artista Ennio Calabria, tra le più note ed emblematiche della produzione di questi ultimi anni, quali: il Ritratto di J. Luis Borges della serie “Un volto e il tempo”, “Questa lunga notte”, “Garrula morte”e “Patologie della luce”, opera di metri 2×3 che raffigura una quieta e luminosa spiaggia sulla quale incombe una grande ombra di un aereo che passa mentre, qua e là, corpi sdraiati e ammassati al sole, appaiono come carcasse vuote.

GALLERIA ART-TRADER, curata da Giovanni Altamura e Dino De Lorenzo, proporrà opere d’arte storicizzate di artisti del calibro di: Carla Accardi, Valerio Adami, Alighiero Boetti, Alberto Burri, Giorgio De Chirico, Emilio Scanavino, Gianni Piacentino, Mario Schifano, Pino Pascali, Michelangelo Pistolettto, George Mathieu, Piero Dorazio, Maurizio Cattelan, Emilio Vedova, Nicola De Maria, Luigi Ontani, Gilberto Zorio.

Galleria LA RIVA, curata da Giovan Battista Tattoni, presenterà nel suo spazio espositivo le tele di: Arman, Cesare Berlingeri, Michele Cascella, Mario Ceroli, Piero Pizzi, Cannella, Titina Maselli, Giulio Turcato, Brumo Ceccobelli, Davide Nido, Salvo, Nicola De, Maria, Enzo Cucchi.

Galleria FONTANELLA BORGHESE, curata da Simona Botti e Federica Sinibaldi, proporrà le opere dei seguenti artisti: Franco Angeli, Alighiero Boetti, Enrico Baj, Marco Lodola, Emilio Leofreddi, George Lilanga , Tano Festa, Sergio Lombardo, Achille Pace, Mirco Pagliacci, Mimmo Rotella, Mario Schifano, Gino Marotta, Andy Wharol, Croce Tavarella.

MD VISIONI CONTEMPORANEE di Marco D’Andrea, sono di trentasei autori diversi i lavori in mostra nello spazio MD Visioni Contemporanee che esporrà schizzi, appunti, bozzetti, disegni, pastelli, collage, emulsioni … tutto su carta! Perché sulla carta si appuntano le idee, si progettano grandi lavori, si scrivono di getto i pensieri. Le tecniche sono diverse: dal classico carboncino di Margherita Russo al pastello a olio di Jannis Kounellis, dalla china di Gualtiero Nativi e Jacques Gabriel alla fotografia di Luca Patella. Non mancano i collage, gli inchiostri e le tecniche miste presenti nelle opere di Debora Antonello, Valentino Ioschici, Maurizio Pierfranceschi, Dora Natella , Mirko Pagliacci e Alfredo Zelli in esposizione con lavori recenti.

MICRO Arti Visive presenterà la mostra “MELTING POT “curata e organizzata da Paola Valori, che conferma il suo impegno nel favorire il confronto creativo intergenerazionale e l’affermarsi di nuovi talenti. L’esposizione, nell’ambito delle molteplici attività programmate in collaborazione con l’Associazione Michele Valori, proporrà con il solito taglio orientato all’innovazione, una stimolante occasione di confronto tra proposte artistiche eterogenee e codici stilistici differenti. Materiali industriali come pexiglass, alluminio e ferro si alterneranno ai pigmenti colorati, alle resine, alla sabbia e alle lamine di piombo. Un viaggio alla scoperta della materia, dove gli artisti sono stati scelti sulla base delle loro diversità artistiche e della loro preferenza verso uno specifico materiale. I protagonisti saranno: Mauro Bellucci, Enrica Capone, Gianluca Cavallo, Lara Cetta, Pietro Luigi Cesarini, Alessandro Corsani, Fabrizio Dell’Arno, Valeria Di Blasio, Claudio Di Carlo, Giulio Matusali, Pantaleo Musarò, Angela Scappaticci, Maria Gloria Sirabella.

IL PASTELLO di Marcello Persica, che esporrà opere di autori in prevalenza romani del calibro di: Angeli, Borghese, Calabria, Colagrossi, Donzelli, Festa, Francesconi, Giugni, Jacknaciev, Mambor, Manera, Marcari, Pagliacci, Pizzi Cannella, Tirelli.

Pavia RESTAURO, dove verranno presentate in diretta le operazioni di pulitura di un dipinto. Alessandro e Lycia Pavia, eredi di una dinastia di restauratori da quattro generazioni, saranno a disposizione degli ospiti per raccontare in cosa consiste la conservazione ed il restauro di un’opera d’arte anche contemporanea, e per soddisfare ogni curiosità sul lavoro del restauratore.

POLESCHI Arte, lo spazio romano della famosa Galleria Poleschi Casa D’aste di Andrea Poleschi è pensato per permettere ai collezionisti della città e delle provincie circostanti di contattare direttamente la Casa D’aste per avere stime e valutazioni gratuite (anche a domicilio) delle loro opere o collezioni e conoscere senza alcun impegno, quali sono le condizioni di vendita. Inoltre nello spazio sarà possibile vedere prima di ogni asta, una preview delle migliori opere che saranno poi esitate nella sessione d’asta a Milano.

L’Associazione Plus Arte Puls raccoglie tutte e nove i soggetti culturali. I due soci fondatori, sono Matisa Mendes Faria e Alessandro Sebasti Scalera, che incrementano la realtà artistica romana offrendo un luogo d’incontro, di confronto e di completa apertura e disponibilità all’arte. Il nome Plus Arte Puls si riferisce, infatti, al ritmo del cuore, poiché per fare arte è necessario investire nelle emozioni e nei sentimenti, credere nelle intuizioni e nell’istinto che non sono facoltà della ragione.